Amicizia · Amore · Bellezza · Bestseller · conforto · Critica letteraria · Delicatezza · Famiglia · Hanya Yanagihara · Letteratura · Letteratura americana · Libri · realtà · solidarietà · Solitudine · Speranza · Umanità

Una vita come tante: amore e amicizia nel libro “potentissimo” di Hanya Yanagihara

Quando pensi che ci sia un limite al dolore, all’amore, al coinvolgimento emotivo, ecco che arriva questo libro a straziarti il cuore.
E non importa se il cuore non vuoi fartelo straziare, se non sei pronto a fartelo straziare. Non importa se hai letto tanti libri, se alcuni ti hanno emozionato, lasciato un segno, altri no.
Non importa se non sei un lettore emotivo ma un lettore critico, se non sei un lettore sprovveduto, ma un lettore navigato, lucido.
Vada come vada, devi fare i conti con la “little life” – la piccola vita – di Jude St. Francis.
Una vita che di piccolo e ordinario non ha nulla ma che è invece grande e straordinaria.

Pubblicità

conforto · Critica letteraria · Illusione · Letteratura · Letteratura Portoghese · Libri · Manzoni · Notte · profezia · realtà · Saramago · Sogno · solidarietà · Solitudine · Speranza · Umanità

Cecità: l’umanità scrutata di José Saramago

Cosa succederebbe se, all’improvviso, in un giorno qualunque, in una città qualunque, di uno Stato qualunque, tutti gli abitanti diventassero ciechi?
E non di una cecità diagnosticabile e / o curabile, ma di una cecità sconosciuta che, come tutte le che non si conoscono, fa ancora più paura.
Per scoprirlo, basterà leggere José Saramago, ma attenzione. In un libro che parla di cecità, l’attenzione è tutta negli occhi. Nello sguardo.

Amicizia · Amore · Bestseller · conforto · Critica letteraria · Delicatezza · Donne · Famiglia · Fede · Film · Holt · Kent Haruf · Letteratura · Letteratura americana · Libri · Musica · realtà · solidarietà · Speranza · Trilogia

Umanità profonda e salvezza nella Trilogia della pianura di Kent Haruf

photo by http://www.lapazienzadellonda.wordpress.com Straripa di umanità, la Trilogia della pianura di Kent Haruf. Un’umanità forte, semplice, concreta. Come quella dei fratelli McPheron, Harold e Raymond, che tra una titubanza e l’altra, tra una tenera incertezza e l’altra, decidono di prendere in casa la giovane Victoria, senza sapere, che nella loro inconsapevolezza, nella loro tradizionale solitudine,… Continua a leggere Umanità profonda e salvezza nella Trilogia della pianura di Kent Haruf

Critica letteraria · Diari · Dostoevskij · Illusione · Letteratura · Letteratura russa · Notte · Pietroburgo · Sogno · Solitudine · Speranza

Se una notte d’inverno un sognatore: beatitudine e illusione nelle Notti bianche di Dostoevskij

Cosa succede se la vita si confonde col sogno e la letteratura si confonde con la vita? Ce lo racconta mirabilmente il Dostoevskij delle Notti bianche, ovvero le notti insonni d’amore e sogni, che proprio perché bianche finiscono per non avere nessun colore.

Bellezza · Bestseller · Critica letteraria · Delicatezza · Donne · Giappone · Letteratura · Letteratura giapponese · Libertà · Libri · manga · Solitudine · Yoshimoto

La ragazza del convenience store di Murata Sayaka: bellezza e “anormale” nel favoloso mondo del konbini

Che cos’è la normalità?

Se lo sarà forse chiesta Murata Sayaka, promettente scrittrice giapponese premio Akutagawa e se lo chiede la sua protagonista, la trentaseienne Keiko, la quale, per sfuggire ad un destino di esclusione e solitudine, si rifugia nell’accogliente conformismo, nelle braccia della società benpensante, nelle aspettative di famiglia e amici, rappresentati dal lavoro di commessa part time in un konbini. Perché Keiko non è una donna come le altre, non è stata una ragazza come le altre, né tanto meno una bambina come le altre.

Amicizia · Bellezza · Elsa Morante · Estate · Fiaba · Giappone · Isola · Letteratura · Letteratura giapponese · Letteratura italiana · Libertà · Libri · manga · mare · Ten List · Yoshimoto

Estate e letture estive: consigli di lettura #1

Ogni estate è diversa è vero, ma quello che ad un lettore che si rispetti non manca mai, sono una o più letture estive. Che sia al mare, in montagna o in qualunque altro luogo, fisico o mentale, ci sarà sempre un libro, una storia, che accompagnerà le giornate di sole.

E dato che ci sono, secondo me, libri assolutamente “estivi”, propongo una prima ten list di letture che in estate non ci si può assolutamente perdere!

Amore · Critica letteraria · Delicatezza · Donne · Famiglia · Fiaba · Giappone · Letteratura · Letteratura giapponese · Libri · Magia · manga · realtà · Yoshimoto

Il Regno: natura e libertà nella fiaba di formazione di Banana Yoshimoto

È un’opera completa, la quadrilogia di Banana Yoshimoto, riassuntiva di tutti i temi a lei più cari, qui declinati sotto il profilo della magia. La magia delle piccole cose e dei frammenti di dolore della vita di ogni giorno che Yoshimoto descrive sempre alla sua maniera, con quella leggerezza e delicatezza tipica dello stile manga che la rende unica e inconfondibile ma divide pubblico e lettori.

adolescenza · Adrien Brody · conforto · Film · Libri · Poesia · realtà · Sogno · Solitudine

Detachment: la scuola del “distacco” nel film di Tony Kaye

Il distacco è l’arma con cui il professor Barthes entra ogni giorno in classe per fare i conti con un’altra esperienza da supplente di letteratura. È l’arma con cui vive la solitaria quotidianità della sua vita e i drammi di un passato che ha lasciato cicatrici che fanno ancora male. È l’arma con cui avvolge e protegge l’equilibrio tranquillizante di una vita vuota e priva di coinvolgimento affettivo.

Critica letteraria · Letteratura · Letteratura americana · Pavese · realtà · Solitudine · Strout · Verga

La verità è nel cinismo: critica positività e ottica del paese in Olive Kitteridge di Elizabeth Strout

«Un paese vuol dire non essere soli», scriveva il Pavese de La luna e i falò, “un paese ti condanna alla solitudine” sembra dirci l’Elizabeth Strout di Olive Kitteridge.

Una raccolta di racconti in cui i microdrammi dei suoi protagonisti diventano parte di un unico macrodramma, di una storia collettiva in cui ognuno può riconoscersi, attraverso un’architettura scrittoria ben orchestrata cara a Strout (l’ha usata anche nel successivo Tutto è possibile).

conforto · Critica letteraria · Donne · Famiglia · Fede · Letteratura · Letteratura americana · Libri · realtà · solidarietà · Solitudine · Speranza · Strout · Verga

Speranza è condividere ancora: riscatto e comprensione in Tutto è possibile di Elizabeth Strout 

Ad Amgash, in Illinois, il tempo scorre lentamente. E’ ciò che accade in tutte le piccole comunità del mondo, dove tutti conoscono tutti e la vita scorre sempre uguale, inesorabile.
Ad Amgash, in Illinois, si può solo e sempre soffrire, schiacciati da quel destino di povertà e miseria che si staglia sulla vita dei suoi abitanti come una condanna senza fine.

Ma è proprio ad Amgash (e in tutte le cittadine provinciali del mondo) che ci si può ancora sorprendere, si può ancora scegliere la vita e urlare “io sono qui e ho il diritto di starci”. Il diritto a una vita che, anche se brutalizzata, può con tutte le sue forze ancora aggrapparsi ad una speranza. E la speranza non è altro che nel conforto. E’ questa la grande lezione di Tutto è Possibile di Elizabeth Strout.